VPNIl mondo dell’IPTV è davvero in subbuglio, in seguito all’operazione “Eclissi” condotta dalla Guardia di Finanza e da tantissimi altri organi di Polizia, in tantissimi utenti si sono trovati a dover fare i conti con un sistema eclissato e con pene severe per i trasgressori. La maggior parte degli utilizzatori pensa di avere le spalle coperte dalle VPN, ma cosa sono? e per quale motivo vengono utilizzate?

VPN è l’acronimo di virtual private network, consta sostanzialmente in una vera e propria rete privata virtuale tramite la quale l’utente si collega alla rete internet. La sua utilità rientra nella possibilità di mascherare l’indirizzo IP, nascondendolo di fatto ad occhi indiscreti, e navigare in incognito (nessuno potrà carpire le attività svolte). Questo è possibile grazie alla crittografazione delle informazioni scambiate tra il dispositivo ed il server, di cui la chiave è conosciuta solamente dal ricevente, nonché per la possibilità di nascondere l’indirizzo IP (il codice che identifica univocamente il terminale connesso).

 

VPN e IPTV: ecco perché venivano utilizzate

Le VPN venivano utilizzate anche per le connessioni alle reti IPTV in quanto l’accesso ad un canale di quest’ultime richiede necessariamente l’accesso alla rete, corrispondendo ad un link diretto ad un server dal quale poi parte la trasmissione video. Ipoteticamente, quindi, tutti coloro che possiedono l’accesso al server possono capire nello stesso momento chi si trova collegato e la sua localizzazione nel mondo; utilizzando le VPN, in seguito alle spiegazioni precedenti, questo non dovrebbe essere stato possibile (almeno così sperano gli utenti che erano collegati al servizio illegale).