VPNIn moltissimi ci state chiedendo quale sia a tutti gli effetti il legame tra le IPTV e le VPN, nuova correlazione trapelata nell’ultimo periodo, sopratutto in seguito alle ultime operazioni della Guardia di Finanza che hanno bloccato l’illegale accesso gratuito ai canali di Sky Mediaset Premium.

Tutto ruota attorno alla volontà dell’utente di mascherare le attività svolte in rete, passando proprio per una rete privata virtuale e l’occultamento del proprio indirizzo IP. L’accesso ad una VPN non è ovviamente gratis, coloro che le vogliono utilizzare devono pagare un abbonamento fisso (diffidate delle soluzioni a costo azzerato), ma cosa si ottiene in cambio? e per quale motivo sono così utili?

 

VPN e IPTV: scopriamo quale legame le unisce

La VPN è una rete tramite la quale l’utente riesce a raggiungere una sorta di navigazione in incognita, grazie principalmente all’oscuramento dell’indirizzo IP (codice che identifica univocamente il dispositivo connesso, permettendone la localizzazione nel mondo) e alla creazione di un tunnel crittografato per lo scambio di informazioni. Quest’ultimo è fondamentale per evitare che vengano intercettate nel tragitto, essendo a tutti gli effetti codificate saranno illeggibili ed incomprensibili, se non per il destinatario.

Le IPTV sono vere e proprie televisioni in streaming, il palinsesto è composto da tantissimi canali (più o meno legali) memorizzati su un server a cui l’utente deve collegarsi e mantenere sempre attiva la connessione internet. Senza l’oscuramento dell’indirizzo IP non può muoversi in incognito, ed allo stesso tempo può essere individuato nel mondo in pochissimi minuti; l’utilizzo delle VPN non vi autorizza a commettere azioni illegali come la visione gratuita di Sky, non fatelo.