credito sim svuotato truffa compagnie telefoniche

Esaurire il credito telefonico può risultare un vero e proprio problema quando si è fuori casa o quando non si è nel periodo il rinnovo dell’abbonamento. Una volta conclusi gli euro messi a disposizione sulla propria SIM, infatti, l’utilizzo del proprio abbonamento ricaricabile diventa impossibile fino a quando non si procederà con una nuova ricarica. ovviamente quando il credito telefonico termina ci si trova in prossimità della fine del mese o magari, si è vittime di qualche costo nascosto gestito da Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia.

Cosi nascosti : ecco come tutelare il proprio credito telefonico abbattendo questi ultimi

Quando parliamo di costi nascosti ci riferiamo a tutta quella serie di costi attivi sulla propria SIM ma che non rientrano nel prezzo dell’abbonamento mensile. Un esempio chiaro e tondo di un costo nascosto  è rappresentato da un piano tariffario. Quest’ultimo, ad esempio, viene attivato automaticamente all’acquisto di una nuova SIM telefonica e permette agli utenti di effettuare chiamate, inviare messaggi a prezzi più convenienti. Ovviamente se non si attiva nessun tipo di abbonamento questo tipo di piano tariffario può risultare molto utile ma nel caso contrario rappresenta solo un costo a vuoto.

Un altro esempio di costo nascosto è rappresentato dagli sms bancari. questo tipo di messaggio viene inviato dalla banca al momento in cui proprio conto corrente viene movimentato: molti contratti lo offrono gratuitamente, ma nonostante tutto gli operatori nazionali addebitano un costo come se fosse stato l’utente a inviare il messaggio stesso invece che riceverlo.

Infine al terso posto tra i costi nascosti più diffusi e causa di credito telefonico esaurito troviamo la segreteria. Tim, Wind, 3 italia, Vodafone addebitano costi ben specifici per ogni volta che si ascolta un messaggio si accede alla segreteria telefonica.

Nel caso in cui abbiate notato che il vostro credito telefonico si esaurisce troppo spesso, ciò che vi consigliamo di fare è  di richiedere assistenza al proprio operatore nazionale e constatare se effettivamente vi è uno di questi servizi attivi o meno.