Smartphone e tumori

Sapere cosa provoca l’utilizzo degli smartphone è diventata una questione sempre più importante e che interessa diversi utenti soprattutto nella fase di acquisto di un nuovo dispositivo. Nel corso del tempo, questo argomento ha acquistato sempre più valore e soprattutto le ricerche scientifiche hanno potuto constatare quali sono i reali disagi che l’uso dello smartphone può provocare nel lungo e nel breve periodo. Il discorso più delicato in merito a questa questione è rappresentato dalle radiazioni emesse dagli smartphone e dei potenziali danni che queste ultime possono causare al corpo umano. Come già detto, però, la scienza, nel corso del tempo, ha provveduto ad effettuare test su test al fine di appurare che per gli uomini non esiste alcun rischio di utilizzare codesti mezzi elettronici, i quali accompagnano le giornate con così tanta frequenza.

Smartphone e danni provocati dal loro uso: ecco la verità in merito

Durante il loro uso, gli smartphone producono un certo quantitativo di radiazioni che al sol pensiero preoccupano gli utenti. Nonostante il termine sia solitamente collegato ad una connotazione negativa, questo non è il caso poiché il tipo di radiazioni emesse dagli smartphone è molto diversa dai soliti raggi-x e gamma. Esaminando, per l’appunto, le radiazioni emesse dagli smartphone di è potuto constatare che queste sono di tipo non ionizzante: ciò indica che non possono provocare alcun tipo di mutazione genetica del DNA.

Non è quindi vero che un uso sfrenato degli smartphone porta all’insorgenza di tumori così come non è vero che le radiazioni emesse da questi dispositivi devono essere accomunate agli altri tipi di radiazioni. concludiamo con dire che tutti gli smartphone in commercio sono sottoposti a un accurato controllo, quindi non c’è da temere nulla.