Il centro della Via Lattea è esploso solo 3,5 milioni di anni fa.

Almeno, è quello che credono i ricercatori del Centro di eccellenza ARC australiano per l’astrofisica del cielo in 3 dimensioni (ASTRO 3D).

Un nuovo studio condotto dal professor Joss Bland-Hawthorn suggerisce che un colossale raggio di energia è emerso dal vicino buco nero supermassiccio al centro della galassia, mandando un’esplosione di radiazioni nello spazio profondo.

Il fenomeno, noto come bagliore di Seyfert, creò due enormi “coni di ionizzazione” che attraversavano la Via Lattea, si espandono all’uscita dal sistema stellare.

L’esplosione è stata così potente, secondo ASTRO 3D, che ha scosso il Sistema Magellanico – una scia di gas che si estende dalle vicine Grandi e Piccole Nuvole Magellaniche – a circa 200.000 anni luce di distanza.

L’esplosione, hanno detto i ricercatori, è stata troppo grande per essere stata innescata da qualcosa di diverso dall’attività nucleare associata al buco nero Sagittario A, che è circa 4,2 milioni di volte più massiccio del nostro sole.

Leggi anche:  Terremoto in California: la NASA ha svelato le ultime novità

Il bagliore deve essere stato un po ‘come un raggio di faro”, ha detto Bland-Biancospino in una nota.”Immagina l’oscurità, e poi qualcuno accende un faro per un breve periodo di tempo”.

Sulla base dei dati raccolti dal telescopio spaziale Hubble, il team ha calcolato che la detonazione è avvenuta poco più di 3 milioni di anni fa.

Un’enorme esplosione di energia e radiazioni è emersa proprio dal centro galattico della Via Lattea e nel materiale circostante“, ha spiegato Lisa Kewley, direttrice di ASTRO 3D.

Questo dimostra che il centro della Via Lattea è un luogo molto più dinamico di quanto avessimo precedentemente pensato“, ha continuato. “È una fortuna che non ci risiediamo.