Boeing 737 Max: ecco per quale motivo sono avvenuti gli ultimi disastri

Boeing da un anno a questa parte non riesce più a risalire dopo il crollo finanziario avuto a seguito dei terribili incidenti che hanno visto protagonista un modello del catalogo dell’azienda americana. La concorrente Airbus è riuscita a sorpassare, in termini finanziari, la storica rivale americana. 

Quello che preoccupa però è proprio la gestione dei velivoli di Boeing. Il famoso modello incriminato, il 737 Max, ha portato per ben due volte alla morte più di 300 persone, fra passeggeri e membri dell’equipaggio. Anche le numerose revisioni e i controlli della FAA non sembrano esser andati benissimo e l’aeromobile è rimasto senza lasciapassare per il ritorno nei cieli di tutto il mondo.

Il 737 Max di Boeing non convince le compagnie ma nemmeno i clienti

L’azienda americana Boeing è famosa da decenni nel settore aeroportuale. Le ultime vicissitudini e gli incidenti che son costati la vita a numerose persone hanno portato gli utenti di tutto il mondo a non aver più fiducia nella compagnia. Dello stesso parere sembrano essere le compagnie aeree, vere partner e clienti della società costruttrice di aeromobili.

Leggi anche:  Boeing 737 Max: scoperte le cause del disastro, risarcite le famiglie

La vera causa dei due incidenti avvenuti è proprio il software MCAS, installato poco prima dei disastri per prevenire lo stallo dell’aereo. Purtroppo non funzionando a dovere e non captando i segnali dei sensori posti sulla costruzione della struttura, ha portato allo schianto a seguito del decollo. La stessa dinamica è avvenuta per ben due volte con due diversi esemplari dello stesso modello di casa Boeing.

Il CEO si dimostra tuttavia molto sicuro di poter ribaltare la situazione grazie ai nuovi interventi che stanno operando sul particolare modello di aereo della discordia. Al momento però sembra che nessuno voglia volare sui modelli dell’azienda americana. A tutto ciò si sommano gli ingenti risarcimenti che Boeing ha dovuto effettuare ai familiari delle vittime. Sono tempi duri per la casa produttrice degli USA. Quale sarà l’asso nella manica per uscire dalla crisi?