Gli astronomi hanno scoperto un pianeta gigante che, a detta di tutti, non dovrebbe esistere. Il misterioso mondo gassoso è insolitamente grande rispetto alla sua stella ospite, il vicino nano rosso GJ 3512.

Intorno a queste stelle dovrebbero esserci solo pianeti delle dimensioni della Terra o Super-Terre un po ‘più massicce“, secondo Christoph Mordasini, professore all’Università di Berna e membro del PlanetS del Centro Nazionale di Competenza nella Ricerca (NCCR).

GJ 3512b, tuttavia, è un pianeta gigante con una massa circa la metà di quella di Giove“, ha affermato in una nota. “E quindi almeno un ordine di grandezza più massiccio dei pianeti previsti da modelli teorici per stelle così piccole.

L’esopianeta è stato rilevato dal consorzio di ricerca spagnolo-tedesco CARMENES, che ha utilizzato la tecnica Doppler per monitorare il movimento avanti e indietro delle stelle orbitate da uno o più pianeti.

“La star ha mostrato un comportamento piuttosto strano molto presto“, ha detto Juan Carlos Morales, un ricercatore dell’Istituto di studi spaziali della Catalogna (IEEC) presso l’Istituto di scienze spaziali.

La sua velocità stava cambiando molto rapidamente“, ha continuato, “e costantemente in entrambi i canali di lunghezza d’onda dello strumento, indicando la presenza di un compagno enorme, una caratteristica anomala per una nana rossa.

Questa stella, tuttavia, non è quasi entrata nella lista degli obiettivi osservativi.

 

Pianeta nascosto: la stella risultava troppo debole

“Inizialmente, questa stella non era inclusa nella nostra lista di osservazioni perché era troppo debole“, ha detto lo scienziato del progetto Ignasi Ribas. “Quindi ci siamo resi conto di non avere abbastanza piccole stelle nel campione e ne abbiamo aggiunte alcune all’ultimo minuto”.

Siamo stati fortunati a farlo perché altrimenti non avremmo mai fatto questa scoperta“, ha aggiunto.

Una scoperta che sconcerta ancora gli scienziati di tutto il mondo.

Il nostro modello prevede che non ci dovrebbero essere pianeti giganti attorno a tali stelle“, ha insistito Mordasini.

Il suo modello però sembra essere sbagliato.

I pianeti sono in genere formati dalla graduale crescita di piccoli corpi in masse sempre più grandi, il “processo dal basso verso l’alto”.

E se il gigante pianeta GJ 3512b fosse invece formato da un meccanismo diverso? Uno che chiameremo “processo top-down“: una parte del disco di gas in cui si formano i pianeti collassa sotto la propria forza gravitazionale.

Anche questa spiegazione pone problemi, però.

Il pianeta GJ 3512b è quindi un’importante scoperta che dovrebbe migliorare la nostra comprensione di come si formano i pianeti attorno a tali stelle“, ha detto Mordasini.