pokemon-go-armored-mewtwo-ban-xiaomi-utenti-problema-smartphone
Per garantire il gioco equo per i giochi e i servizi online, le aziende bannano abitualmente gli utenti che ritengono problematici. Le ragioni posso essere diverse, tra cui quelli la violazione dei termini di servizio delle linee guida della community e non solo. Tuttavia, sembra che alcuni giocatori di Pokémon Go siano stati banditi per qualcosa di molto meno convenzionale: usare uno smartphone Xiaomi.

Se si crede ai rapporti su Reddit, allora Niantic, la compagnia dietro il gioco Pokémon Go, sta vietando il gioco agli utenti con dispositivi Xiaomi, anche se non hanno fatto nulla di male. Alcuni utenti ipotizzano che le misure anti-cheat integrate in Pokémon Go identificino erroneamente un’app o un processo di sistema unico per i telefoni Xiaomi.

Pokémon Go, problema con gli smartphone Xiaomi

I giocatori vengono banditi con una sospensione di 30 giorni e, a volte, con chiusura permamente dei loro account. Dal rapporto, sembra che il problema del divieto possa interessare solo alcuni dispositivi di Xiaomi, con MIUI 10.3.2 ma non è stato confermato se questo è l’unico colpevole. Niantic non ha ancora risposto a questa questione.

Leggi anche:  VPN per Android: come migliorare la sicurezza e proteggere i dati

Pokémon Go è un gioco in realtà aumentata (AR) sviluppato da Niantic in collaborazione con Nintendo e The Pokémon Company per dispositivi Android e iOS. Utilizza il GPS del dispositivo mobile per localizzare, catturare, combattere e addestrare “Pokémon” virtuali, che sembrano essere nella posizione reale del giocatore.

Utilizza il modello di business freemium e supporta gli acquisti in-app per oggetti di gioco aggiuntivi. Lanciato nel 2016, il gioco era una delle app mobili più utilizzate e redditizie del 2016. All’inizio del 2019, il gioco aveva attraversato oltre 1 miliardo di download in tutto il mondo, incassando oltre $ 3 miliardi di entrate. Il gioco, che ora ha oltre 480 Pokémon, aveva oltre 147 milioni di utenti attivi mensili a maggio 2018.