Il feedback tattile aiuta a migliorare i videogiochi e gli smartphone offrendo ai dispositivi digitali un elevato senso del tatto.

Ora, i ricercatori dell’École Polytechnique Fédérale de Lausanne della Svizzera sperano che la tecnologia vivace – che replica la tattilità umana – possa migliorare la riabilitazione medica e la realtà virtuale.

Due gruppi di scienziati dell’EPFL si sono uniti per sviluppare una pelle artificiale morbida e flessibile fatta di silicone ed elettrodi.

 

Pelle artificiale: il suo utilizzo e come funziona

Utilizzando un sistema di sensori e attuatori morbidi, l’epidermide si adatta alla forma esatta del dito di chi lo indossa e fornisce un feedback tattile sotto forma di pressione e vibrazione.

Tale risposta può essere regolata in tempo reale, per produrre un senso del tatto il più realistico possibile.

Questa è la prima volta che abbiamo sviluppato una pelle artificiale interamente morbida in cui sono integrati sia i sensori che gli attuatori“, ha dichiarato l’autore principale dello studio Harshal Sonar in una nota.

Questo ci offre un controllo a circuito chiuso, il che significa che possiamo modulare con precisione e affidabilità la stimolazione vibratoria avvertita dall’utente”, ha continuato. “Questo è l’ideale per applicazioni indossabili, come per testare la propriocezione di un

La pelle artificiale dell’EPFL può essere allungata fino a quattro volte la sua lunghezza originale. Gli scienziati l’hanno testato sulle dita degli utenti, ma stanno ancora apportando miglioramenti alla tecnologia.

Il prossimo passo sarà lo sviluppo di un prototipo completamente indossabile per applicazioni in riabilitazione e realtà virtuale e aumentata“, secondo Sonar, che ha fornito il prototipo per gli studi neuroscientifici.

Può essere usato per stimolare il corpo umano mentre i ricercatori studiano l’attività cerebrale dinamica in esperimenti di risonanza magnetica“, ha detto.