postemobile casa internet

Secondo indiscrezioni PosteMobile sta per lanciare una nuova tariffa di rete fissa che unisce  alle chiamate una connessione internet in 4G+ fino a 300 Mbps, sfruttando però l’uso di due SIM di telefonia mobile. Infatti, la prima offerta con connessione inclusa di Poste Italiane si chiamerà PosteMobile Casa Internet e si affiancherà alle tariffe già esistenti sul sito dell’operatore virtuale dal nome Casa e Casa Facile.

Sebbene è una notizia da confermare, il bundle di Casa Internet avrà un canone mensile di 30,90 euro al mese che comprenderà le chiamate illimitate verso tutti senza scatto alla risposta e la connessione internet illimitata su rete 4G+. La data in cui sarà possibile attivarla è lunedì 30 settembre 2019 e sarà disponibile in tutti gli Uffici Postali di Poste Italiane sia in portabilità da altro operatore che su una nuova linea telefonica.

 

PosteMobile Casa Internet: offerta dual SIM su rete fissa in 4G+

Come detto, PosteMobile Casa Internet sarà disponibile utilizzando delle SIM mobili, in particolare verranno forniti in comodato d’uso gratuito un telefono fisso e un modem Wi-Fi 4G+ due schede SIM già incorporate. La parte voce funzionerà su rete mobile Vodafone, così come già succede con le offerte Casa e Casa Facile, mentre la connessione dati avverrà su rete Wind Tre.

Leggi anche:  Fastweb proroga l'iniziativa Back To School fino all'8 ottobre

Per poter utilizzare i due dispositivi, compreso quello telefonico, c’è bisogno che entrambi siano collegati alla rete elettrica. Nel caso di blackout, il telefono fisso dispone di batterie incorporate, esaurite le quali non sarà possibile utilizzare il servizio PosteMobile Casa.

Sarà previsto un contributo di attivazione pari a 59 euro, mentre la spesa per la consegna e l’installazione dei dispositivi direttamente a casa è offerto gratuitamente in promozione. Il telefono e il modem Wi-Fi vengono concessi in comodato d’uso gratuito al cliente per tutta la durata contrattuale. In caso di recesso il cliente dovrà restituire entro 60 giorni i dispositivi a propria cura e spese.