IPTV oscurate dall’operazione Eclissi: fate attenzione

Ha destato grande scalpore in questi giorni la chiusura delle famose IPTV, i canali streaming per la visione illegale dei contenuti pay per view. Il fenomeno che negli ultimi anni ha condotto oltre 5 milioni di persone in tutta Europa a scegliere la via dei contenuti pirata, a fronte di esborsi economici minimi, sembra aver chiuso definitivamente i battenti.

Dopo il successo ai danni della rete ZSAT, un’enorme operazione che ha visto coinvolte le forze dell’ordine di tutto il continente, denominata appunto ECLISSI, ha portato alla chiusura immediata della maggior parte dei flussi streaming che ogni giorno permettevano ad utenti più o meno consapevoli di godere illecitamente di programmazioni a pagamento.

 

IPTV oscurate: l’operazione Eclissi mette fine alla visione illegale dei contenuti pay per view

Tra queste programmazioni, quelle di Sky o Netflix, spendendo decisamente meno di quanto proposto da queste compagnie. Le indagini sono ancora in corso ma da quanto affermato, oltre ai criminali coinvolti in queste truffe, stavolta a farne le spese potrebbero essere anche gli utenti stessi, rei di aver infranto la legge e colpevoli di pirateria.

Da sempre al fianco della Polizia, ESET ha condiviso i dettagli dell’operazione direttamente dal sito ufficiale della Polizia Postale: “la Polizia di Stato sta effettuando una vasta operazione internazionale denominata “Eclissi”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma e, a livello internazionale, dalle Agenzie europee Eurojust ed Europol”.

L’operazione mira a smantellare ed oscurare il fenomeno delle IPTV, sistema che, convertendo il segnale analogico della pay-tv, lo trasforma illegalmente in segnale web-digitale. L’attività ha visto la cooperazione delle Polizie e delle Autorità giudiziarie di Francia, Paesi Bassi, Germania, Bulgaria e Grecia, impegnate in tutta Europa.

Un’indagine tecnico informatica estremamente accurata sulla diffusione dei segnali in streaming effettuato dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni che ha consentito di individuare le sorgenti estere dalle quali parte il segnale “pirata”. Significativi i numeri complessivi relativi sia alle persone coinvolte.

Parliamo di circa 5.000.000 di utenti solo in Italia, per un volume di affari stimato di oltre 2 milioni di euro al mese. Gli esperti di ESET ricordano come l’uso dei canali pirata sia assolutamente illegale, nonché pericoloso per la sicurezza dei dispositivi, e che i contenuti proposti da società come SKY o Netflix sono protetti dalle leggi sul copyright.