Al giorno d’oggi, possedere un conto presso uno dei principali istituti di credito o presso esercenti online è indispensabile per le attività quotidiane. D’altra parte, proprio questo ampio utilizzo ha dato adito all’esposizione maggiore verso i rischi e i pericoli che provengono dagli hacker e dai cybercriminali.

Una delle minacce più frequenti consiste nel phishing online. Questo genere di truffa ha come obiettivo l’appropriarsi delle credenziali degli utenti per accedere ai conti correnti e svuotarli completamente. Molti clienti infatti si ritrovano vittime dei phishers, i quali sfruttano sotterfugi e inganni molto ben congegnati per ottenere le password di accesso.

Affermatosi in questi anni è anche lo smishing, il phishing tentato tramite SMS che arrivano direttamente sul numero telefonico del cliente.

Tra i vari conti colpiti da queste truffe, non poteva mancare anche PayPal, uno dei servizi maggiormente apprezzati e utilizzati per gestire i propri acquisti online.

Leggi anche:  Phishing: come difendersi dalla truffa online che arriva tramite email

Phishing su PayPal: ecco come proteggersi

Solitamente, i tentativi di raggirare i clienti pervengono tramite mail, o come detto in precedenza, attraverso SMS. Il corpo del messaggio contiene un testo allarmante, in cui si avvisa l’intestatario di un’imminente chiusura del conto oppure dell’impossibilità di ricevere un accredito.

Si richiede pertanto di cliccare su un link allegato per sbloccare la procedura.

Sembra banale, ma è importantissimo non cliccare sul link indicato. Quasi mai infatti PayPal inserisce dei reindirizzamenti nelle proprie mail. Inoltre, controllando l’indirizzo da cui proviene l’avviso, si potrà verificare che non appartiene a nessuno dei contatti ufficiali di PayPal. In caso si ricevessero simili mail, la reazione migliore sarebbe cestinarle sedutastante.