iPhone

Nelle ultime ore abbiamo scoperto una nuova funzionalità introdotta su Apple iPhone per non rendere vita facile a tutti i negozi indipendenti che riparano i melafonini di Cupertino.

La società ha pubblicato un documento da cui abbiamo appreso che i nuovi iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max, sono dotati di un sistema che identifica se il display è stato sostituito da un centro non autorizzato. Scopriamo maggiori dettagli.

 

iPhone ti avvisa se lo schermo è stato sostituito in un centro non autorizzato

Al momento non è noto sapere se l’avviso in questione si basa solamente sul componente utilizzato, ma è molto probabile che si presenti anche con uno schermo originale, se lo schermo è stato sostituito da un riparatore non autorizzato dalla società di Cupertino. A giudicare da quanto si legge nel documento online, potrebbe trattarsi di un sistema analogo a quello già visto per le batterie, che prevede la necessità di abbinare un identificativo unico del componente all’ID dell’iPhone.

Leggi anche:  Iliad, iPhone in vendita sul sito ma c'è una brutta notizia per i clienti

Quello che sappiamo è che sostituendo il display del melafonino in un centro non autorizzato, apparirà sullo schermo un messaggio che avvisa l’utente di avere un display non genuino. Questo avviso resterà in bella vista per 4 giorni, per poi spostarsi nella pagina principale delle impostazioni per ben 15 giorni. Infine, non vi darà più fastidio, ma sarà comunque visibile da impostazioni>generali>info.

Secondo le ultime indiscrezioni, sembrerebbe anche che la sostituzione non autorizzata verrà riportata ad Apple, dalla pagina di supporto leggiamo: “You might see an additional notification that says, “Apple has updated the device information for this iPhone.” This means that Apple has updated the device information maintained for your iPhone for service needs, safety analysis, and to improve future products“. Non sappiamo ancora con certezza cosa significhi, ma in ogni caso non impedirà all’utente di utilizzare lo smartphone, anche con un display sostituito in un centro non autorizzato.