diesel

La spesa che ogni automobilista odia sostenere è senza dubbio il carburante, poiché è un dispendio economico che incide sul budget familiare del mese. Sebbene le ultime notizie ci raccontano di un Governo pronto ad equiparare il prezzo del diesel alla benzina, al tempo stesso, il carburante si può risparmiare grazie a piccoli accorgimenti da rispettare. Vediamo insieme alcuni trucchi per rimettervi in tasca qualche euro.

Partiamo dalle cose ovvie. La manutenzione ordinaria dell’auto è uno dei metodi più semplici da applicare ma, statistiche alla mano, gli Italiani tendono a procrastinare il più possibile ogni spesa superflua fino a che non sia necessario. Ma sottovalutare una manutenzione programmata può portare a danni seri e a un eccessivo consumo di carburante. Provare per credere, ma un motore sporco fatica di più a mantenere le prestazioni che gli richiedete ogni giorno e consuma più diesel del previsto. Il gasolio, tra l’altro, sporca di più gli iniettori e una regolare pulizia, unita a cambi di pezzi come filtro dell’aria, del gasolio stesso e quello dell’olio, vi aiuterà a risparmiare.

Sempre nel campo dell’ovvio c’è la questione pneumatici, poiché delle gomme alla giusta pressione e con uno stato di usura non elevato fanno più presa sull’asfalto e richiedono un controllo alla guida minore.

Leggi anche:  Batteria peggio del Diesel: propulsore a gasolio batte elettrico dopo i test

 

Diesel al costo della Benzina: ecco i trucchi meno considerati

In un paese come il nostro dove la velocità conta in strada, moderare il peso del piede sul pedale dell’acceleratore fa risparmiare diversi soldi nel consumo di diesel. Una guida a velocità costante senza strappi è un ottimo sistema, considerando che a 90 Km/h si può risparmiare circa il 10% di diesel rispetto a una velocità di crociera di 100 Km/h.

Anche il rapporto tra il carico dei passeggeri e dei bagagli ha il suo peso, soprattutto in vacanza. Se non possiamo chiedervi di lasciare la suocera a casa, almeno ricordate di evitare di caricare l’automobile con pesi inutili tipo il portapacchi quando si è certi di non utilizzarlo.

Infine affrontiamo la questione del condizionatore. Ormai siamo abituati ad avere in auto un clima bi-zona, automatico, e chi più ne ha ne metta. Ma un utilizzo eccessivo è sconsigliato a basse velocità, poiché l’auto nel traffico cittadino non riesce a raffreddarsi e ci mette di più ad offrire la temperatura richiesta nell’abitacolo. Al contrario, con alte velocità è utile tenere i finestrini chiusi e usare il condizionatore perché l’aria fredda che incontra l’auto aiuta l’impianto.