truffe Unicredit Intesa Sanpaolo

I tentativi di truffa ai danni dei clienti dei maggiori istituti bancari italiani sono aumentati a dismisura. Tra phishing, smishing e chi più ne ha più ne metta, l’estate dei conti correntisti italiani è stata molto incerta e piena di messaggi inviati sotto falsi nomi dai cybercriminali. Come ben noto, istituti del calibro di Unicredit e Intesa SanPaolo tutelano i loro clienti sotto vari e ampi aspetti, ma alcune volte portare avanti un’azione di difesa diventa più complicato, soprattutto quando sono gli stessi clienti a fornire dei dati personali ignari di non sta comunicando con addetti ufficiali.

Le chiavette generatrici di One Time Password aiutano molto a tutelare i conti dei clienti, ma da qualche tempo a questa parte, un altro strumento è diventato ancora più efficiente: il Mobile Token.

Basta alle truffe: ecco le soluzioni di Unicredit e Intesa adatte a tutti quanti

Al fine di evitare una volta per tutte tutti i tentativi di truffa, Unicredit e Intesa SanPaolo hanno introdotto tra i loro livelli di sicurezza anche il Mobile Token. Questa non è una totale novità visto che molti clienti lo hanno già attivato, mentre per altri sta diventando ora obbligatorio il passaggio. In ogni caso, cos’è il Mobile Token?

Leggi anche:  Truffe Call Center: cosa i clienti Tim, Vodafone e Wind 3 devono evitare

Il Mobile Token non è altro che la versione tecnologica e moderna delle chiavette; questo si attiva attraverso lo smartphone e funziona in stretta relazione con l’applicazione della propria banca: altro non è che un generatore di OTP e concessore di autorizzazioni per varie operazioni. Sicuramente, essendo collegato necessariamente allo smartphone di un utente, questo strumento rende ogni operazione dinamica e confortevole, senza essere obbligati a portare sempre qualcosa di aggiuntivo con sé.