McDonald's, per candidarsi adesso basta chiedere ad Alexa

Anche in Italia si dà il benvenuto a McDonald’s Apply Thru, il primo strumento al mondo che consente di avviare un processo di candidatura tramite assistente vocale, supportato da Alexa e prossimamente anche da Google Assistant. Questi device potranno guidare le persone nella ricerca di un lavoro da McDonald’s.

Per la prima volta attraverso un banale comando vocale. Grazie a questo nuovo sistema, per inviare una candidatura basterà dire “Alexa, aiutami a trovare un lavoro da McDonald’s”. McDonald’s Apply Thru è disponibile da oggi in Italia, Stati Uniti, Canada, Irlanda e Regno Unito.

 

Alexa, aiutami a trovare un lavoro da McDonald’s

E nel corso della settimana verrà lanciato anche in Australia, Francia, Germania, Spagna ed esteso ad altri paesi nei prossimi mesi. Con McDonald’s Apply Thru, tutti gli utenti che vorranno candidarsi dovranno semplicemente rispondere ad alcune domande di base come il proprio nome e l’area geografica di interesse.

Poco dopo verrà inviato un SMS con un link alle posizioni di lavoro più vicine. Ad oggi sono circa 1.000 le posizioni ancora aperte in Italia per il 2019. McDonald’s conta, in Italia, 24.000 dipendenti che lavorano in 600 ristoranti distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Leggi anche:  Amazon Echo Dot in super offerta, acquistane uno e ne ottieni un altro gratis

La maggior parte è composta da donne (62%), che costituiscono anche il 50% degli store manager. L’età media dei dipendenti è 31,5 anni, 30 per i crew, 35 per i manager e 39 per gli store manager. Il 92% dei dipendenti che lavora da McDonald’s è assunto con contratti di apprendistato o a tempo indeterminato.

Inoltre, con il programma Archways to Opportunity, i dipendenti di McDonald’s Italia, nel triennio 2020-2022, potranno accedere a 1,5 milioni di euro di borse di studio per finanziare sia il pagamento delle tasse universitarie sia la partecipazione a corsi di lingua inglese o italiana.

Le borse di studio saranno assegnate attraverso criteri di selezione basati sul merito scolastico e l’anzianità lavorativa.