Apple Mac Pro

Secondo le ultime indiscrezioni, il nuovo Apple Mac Pro, che è stato svelato durante la Worldwide Developer Conference dello scorso giugno, sarà prodotto in Texas ad Austin, nello stesso stabilimento in cui da 13 anni viene assemblato il suo predecessore.

La notizia è stata successivamente resa ufficiale anche dall’azienda du Cupertino, che ha ringraziato l’amministratore statunitense per il proprio supporto, che ha potuto “rendere possibile questa opportunità”. Ecco tutti i dettagli.

 

Apple: il nuovo Mac Pro sarà assemblato in Texas

La scelta da parte dell’azienda, di mantenere la produzione in Texas, è stata possibile grazie al sostegno dell’amministrazione Trump, che ha consesso all’azienda un’esenzione che le permetterà di importare due terzi dei componenti necessari dalla Cina senza pagare i dazi, che altrimenti sarebbero dovuti a causa del braccio di ferro commerciale attualmente in corso tra i due paesi.

Leggi anche:  Apple, i display dei prossimi MacBook saranno ancora più sottili

Il colosso guidato da Tim Cook infatti, si appoggia ad una rete di fornitori statunitensi per i propri prodotti, ma moltissime parti dei suoi computer, come anche quelli dei competitor, sono prodotte in Cina. Il CEO Tim Cook, che aveva precedentemente accennato la possibilità di un’esenzione lo scorso luglio, ha spiegato ora che la mossa fa parte di una politica di Apple, volta ad investire nel mercato del lavoro degli Stati Uniti.

Nonostante l’esenzione, come fa notare anche Engadget, le ricadute in termini di posti di lavoro, potrebbero non essere così tanto significative, dato che il Mac Pro, essendo molto costoso, non ha grandi volumi di vendita, di conseguenza non dovranno assemblare così tanti pezzi come fanno, per esempio, con iPhone.