pianeta come la TerraLa Terra è l’unico pianeta del sistema solare a poter ospitare la vita. Tale affermazione sembra quanto meno azzardata ma a tutto il 2019 non esiste alcun corpo celeste che offra le condizioni ideali per la vita. Un potenziale candidato è stato trovato nel contesto degli esopianeti. Abbiamo parlato della Super Terra ma si è appena scoperto che potrebbe esserci stato un altro pianeta vicino pronto ad accoglierci. Da non credere, ma è esattamente così. Ecco cosa hanno scoperto gli astronomi e gli scienziati del cielo.

 

La Terra non sarebbe stato l’unico pianeta abitabile: ecco le ultime scoperte dallo spazio

Con una temperatura superficiale di 400°C, Venere rappresenta il nostro pianeta gemello. Le condizioni di sopravvivenza non sussistono, ma non è stato sempre così. Nei secoli scorsi, infatti, le condizioni di temperatura stabile avrebbero consentito l’insediamento umano senza alcun problema. Per colpa di una atmosfera resa tossica da un disastroso effetto serra si è dovuto rinunciare a tale possibilità. Una condizione verificatasi tra 700 e 750 milioni di anni fa.

Leggi anche:  Terra: siamo in pericolo, i poli magnetici si stanno invertendo velocemente

Per almeno tre dei 4,5 miliardi di età del pianeta la temperatura si era assestata su ragionevoli valori compresi tra +20°C e +50°C. Condizioni più che favorevoli per gli esseri viventi. La presenza di oceani è stata confermata dalla missione Pioneer degli anni ottanta. I nuovi studi hanno confermato questa teoria nonostante l’eccessiva vicinanza del Sole.

Le simulazioni hanno dimostrato come Venere sia andata in contro a raffreddamento alcuni miliardi di anni dopo la sua formazione. La vicinanza al Sole non avrebbe causato criticità a causa di rocce silicee in grado di liberare l’atmosfera dall’anidride carbonica rilasciando al contempo azoto e metano nell’atmosfera. Una composizione che, al pari di quella terrestre, avrebbe garantito stabilità e quindi la vita.

A seguito degli eventi avversi, comunque, la situazione si è controversa sulla base dei processi vulcanici che hanno reso la zona inospitale a causa dei gas atmosferici. Un fenomeno che si è verificato anche sulla Terra ma in misura nettamente minore e comunque tale da garantire l’abitabilità senza compromessi.