Canone

Il Canone Rai è una tassa che tutti i consumatori in possesso di un apparecchio o atto adattabile alla ricezione di radioaudizioni televisive devono sostenere; purtroppo però, non è così amata da tutti i cittadini italiani che fino a qualche anno fa erano abituati ad evitare il suo costo.

Lo Stato italiano ha deciso di combattere tutti gli evasori cronici abituati a strappare la bolletta del Canone Rai non appena arrivava via posta; perciò nel 2016 ha deciso di inserire il suo costo insieme a quello della bolletta della luce elettrica così nessuno può più sfuggirgli.

A quanto pare però, secondo alcune ricerche effettuate, alcuni consumatori non sono obbligati a sostenere la spesa di questa imposta; eccovi svelati maggiori dettagli.

Ecco per chi non è obbligatorio il Canone Rai

Tutti i consumatori che non sono in possesso di un apparecchio o atto adattabile alla ricezione di radioaudizioni televisive possono recarsi all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate più vicino e presentare un modulo apposito; dovranno aspettare la conferma dall’Agenzia delle Entrate una volta compilato e presentato.

Leggi anche:  DVB T2: arriva una nuova TV per la visione dei canali di Mediaset e Rai

Comunque sia, tutti i consumatori che rientrano in una delle seguenti categorie hanno il diritto di non sostenere la spesa del Canone Rai:

  • I militari di cittadinanza non italiana e/o che fanno parte del personale civile non residente in Italia di cittadinanza non italiana appartenenti alle forze armate della NATO (art. 10 della Convenzione di Londra);
  • Coloro che hanno un’età uguale o superiore ai settantacinque anni e un reddito non superiore a 6.713,98 euro;
  • I funzionari o gli impiegati consolari (art. 49 della Convenzione di Vienna del 24 aprile 1963);
  • Gli agenti diplomatici (art. 34 della Convenzione di Vienna);
  • I funzionari di un’organizzazione internazionale.