android-malware-google-play-due-app-disinstallare-700x400
Google ha rimosso due app Android installate oltre 1,5 milioni di volte. Le app erano un guadagno per coloro che, in background, eseguivano pubblicità pop-up. In questo modo accumulavano soldi ogni volta che un utente faceva clic su un annuncio. Queste app per la riproduzione di annunci possono anche assorbire alcuni dati del telefono e contribuire a scaricare la batteria.

Quello che stavano facendo queste due app è stato scoperto dalla società di sicurezza mobile Wandera. Sun Pro Beauty Camera è stato installato oltre 1 milione di volte, mentre Funny Sweet Beauty Selfie Camera ha raccolto 500.000 download. Se hai installato una di queste due app sul tuo telefono Android, devi disinstallarle ora.

Android, le app infette sono state rimosse dal Play Store

Come di solito succede con queste app dannose, una volta installate, l’icona dell’app scompare dalla home e viene creato un collegamento. Anche se elimini il collegamento, l’app continua a pubblicare annunci in background.

Leggi anche:  Play Store: due app rallentano il telefono e bruciano la batteria

Una volta installata, Sun Pro Beauty Camera riesce ad aprire annunci a schermo intero anche se l’app non è aperta. Funny Sweet Beauty Selfie Camera offre anche annunci a schermo intero, ma solo dopo aver scaricato una foto filtrata tramite l’app. E, come al solito, i commenti lasciati sugli elenchi di entrambe le app nel Google Play Store hanno fornito agli utenti Android un avviso tempestivo.

Una recensione avvisa di non scaricare l’app poichè c’è solo pubblicità. Un altro nota che “… le pubblicità continuano a spuntare”, e un terzo ha dichiarato “Non sono riuscito a trovare nulla di utile e le pubblicità erano dappertutto.”

“L’adware è di solito visto come un fastidio per l’utente finale. Gli invadenti annunci pop-up interrompono gli utenti nel mezzo del flusso di lavoro, bloccano i loro dispositivi, drenano batteria del dispositivo e, in alcuni casi, i dispositivi infetti devono essere sostituiti del tutto. L’adware consente agli autori di guadagnare denaro dai dispositivi interessati”, riferisce Wandera.