Smartphone: ecco cosa si rischia nel caricare il telefono di notte

L’utilizzo dello smartphone durante la giornata è sicuramente un’esigenza che al giorno d’oggi non può essere bypassata. Tutto ciò ovviamente a causa dei vari processi a cui siamo legati, alla messaggistica, al lavoro e ad ogni tipo di relazione con internet.

Proprio per averne piena disponibilità durante la giornata, l’utente in media tende a ricaricare il suo dispositivo durante la notte. In questo modo, al risveglio, lo smartphone sarà pronto con il suo 100% a dare il suo solito e immancabile contributo giornaliero. In tanti però si chiedono quanto sia giusto e soprattutto sicuro ricaricare il proprio dispositivo mobile durante l’orario notturno. La domanda è lecita dal momento che i rischi possono essere molti in alcuni casi ben specifici.

 

Ricaricare lo smartphone di notte può essere pericoloso: ecco cosa può accadere e quali sono le problematiche a cui si va incontro

Con il tempo le persone hanno cominciato a tirare fuori alcune riflessioni ben precise sulla ricarica dello smartphone. Infatti la domanda è la seguente: caricare lo smartphone di notte può essere dannoso e pericoloso?

Leggi anche:  Smartphone sotto carica: di notte può bruciare la tua casa in un secondo

La risposta è: entrambe le cose. Infatti tenere lo smartphone in carica durante la notte porta il dispositivo ad effettuare tante piccole ricariche dopo il raggiungimento del 100% proprio per mantenere tale percentuale. Questo potrebbe danneggiare la batteria anche se tale fenomeno avviene più negli smartphone di vecchia generazione.

Per quanto riguarda invece la pericolosità, in molti caricano lo smartphone poggiandolo sul letto o su superfici in pericolo di combustione. La temperatura che lo smartphone raggiunge in fase di ricarica può infatti essere pericolosissima se il dispositivo è a contatto con coperte, lenzuola ecc. Non è escluso il rischio di esplosione in alcuni casi.