Netflix

Secondo un recente libro pubblicato, intitolato That Will Never Work: The Birth of Netflix and The Amazing Life di Marc Randolph, Jeff Bezos ha provato, nel lontano 1998 ad acquistare la piattaforma di contenuti in streaming Netflix per 15 milioni di dollari.

Fast Company ha pubblicato un estratto di questo libro in cui viene descritto l’incontro di Randolph, ex CEO del colosso di streaming, con Jeff Bezos, in compagnia di Reed Hastings. Scopriamo qualche dettaglio in più.

 

Jeff Bezos voleva acquistare Netflix per 15 milioni di dollari

Nel momento in cui Bezos fece l’offerta per acquistare la piattaforma, fu Hastings a rifiutarla. Ecco le sue parole a posteriori: “Sarebbe stata una buona liquidazione per me, che in quel momento possedevo il 30 per cento della società. Il 30 per cento di 15 milioni sono un bel guadagno per un anno di lavoro“. Quest’ultimo, dopo aver perso la carica di Amministratore Delegato della piattaforma di streaming, possiede ora solamente il 15% delle quote.

Leggi anche:  Netflix e Spotify arrivano a 3 euro al mese: ecco come risparmiare

Forbes Italia ha scritto che l’ex CEO non ha più alcun legame con la società, al momento completamente in mano ad Hastings. Randolph spiega nel libro che Hastings era già un uomo da 8 zeri, motivo che giustifica il rifiuto dell’offerta di Bezos. Per chi non lo sapesse, nel 1998, anno dell’offerta, la piattaforma di e-commerce Amazon contava già 600 impiegati e aveva più di 150 milioni di dollari di fatturato.

L’autore del libro ci regala questo estratto su Bezos: “Quando parla non gesticola con le mani. Usa, invece, la sua testa con enfasi. La ruota a 45 gradi quando è curioso ma tutta la contentezza infantile del mondo non può nascondere quel cervello analitico e ambizioso sempre a lavoro che si nasconde dietro lo sguardo imperturbabile“.