IPTV: Champions e Serie A gratis ma arriverà la fine, intanto ecco le multe

Il successo dell’IPTV arriva certamente da lontano, fin da quando nei primi anni 2000 la pirateria sbarco in Italia. Da quel momento in poi tutto sembrava essere davvero molto semplice ma lo stato attuó delle norme in grado di debellare almeno momentaneamente il fenomeno.

Oggi proprio la pirateria è tornata con questo nuovo baluardo, il quale va avanti da qualche anno riuscendo a convincere diversi utenti della sua qualità. L’IPTV permette a tutti di avere a disposizione qualsiasi tipologia di canale di qualsiasi piattaforma esistente al mondo, e ovviamente pagando una cifra davvero incredibile. Con pochi euro mensili infatti gli utenti possono avere tutti i campionati calcistici mondiali e soprattutto film sia in diretta che on demand. Ovviamente è tutto illegale e molto presto potrebbero essere presi dei provvedimenti.

Per le migliori offerte Amazon anche sui decoder Android legali, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare e ricevere i migliori codici sconto.

Leggi anche:  IPTV chiusa per sempre: gli utenti ora hanno un'unica soluzione

 

IPTV: il servizio è stato chiuso in maniera definitiva con la nuova operazione “eclissi”

Ogni volta che si parla di IPTV è davvero difficile non trovarsi al cospetto di almeno una persona che ne faccia, o meglio faceva utilizzo. Effettivamente il fenomeno sembra essere molto esteso e radicato proprio all’interno del bel paese, dove sono state prese già diverse contromisure.

Ora però un duro colpo è stato assestato al noto sistema pirata con un’operazione da parte della Guardia di Finanza che ha sequestrato ed oscurato Xtream Codes. Si tratta di una delle piattaforma principali del mondo IPTV. Secondo quanto riferito gli utenti abbonati erano oltre 50 milioni e ben 700 mila sono stati colti in flagrante. La multa ora varierà da 2.500 a 25 mila euro.