apocalisse nel mese di luglio seconda la profezia dei mayaViene da chiedersi quanto ci sia di vero nelle profezie Maya e di Ezechiele in relazione all’Apocalisse. Dobbiamo preoccuparci? La fine del mondo è davvero così vicina come preannunciato dagli scritti antichi giunti dai profeti fino ai giorni nostri? Il dubbio resta ma i fatti potrebbero essere ben altri. L’idea di trovarsi soli nel mondo lascia il groppo in gola male preoccupazioni potrebbero svanire alla luce delle ultime novità che convincono in relazione all’assenza di un pericolo reale. Esaminiamo i fatti.

 

Apocalisse: Ezechiele ed i Maya hanno previsto il declino del mondo. La fine è vicina?

Come in un realistico sequel di “28 giorni dopo” la paura di ritrovarsi faccia a faccia con l’isolamento di un mondo devastato da virus e carestia disarma i credenti delle antiche profezie. Lo scenario cinematografico viene descritto in altri termini da popolazioni di altre epoche e da personaggi come Ezechiele, che nel libro della Genesi ha previsto un ritorno alla fertilità del Mar Morto ora confermata da alcuni scatti del fotografo naturalista Noam Bedein. Tutto sembra alimentare i timori di coloro che accettano tacitamente gli scritti sui fatti descritti dopo la distruzione di Sodoma e Gomorra. Ma la verità è che non esiste alcuna prova certa in tal senso.

Leggi anche:  Apocalisse: la verità sulla Fine del Mondo, smentiti Maya ed Ezechiele

Meno credibile, invece, l’ipotesi dei Maya che hanno riportato la fine del mondo lo scorso 21 dicembre 2012 con rinvio allo scorso Luglio 2019. In questo caso i fatti sono a portata di mano. Perché? Siamo ancora qui, nonostante tutto. La vita prosegue il suo naturale corso e tutto sembra andare per il verso giusto contro ogni catastrofica previsione.

A tutto questo potremmo sommare anche le rivelazioni di Medjugorje, meta di pellegrinaggio religioso e scenario di storie fantasiose che hanno come oggetto la distruzione del mondo causata dall’uomo e dai suoi peccati.

Sta per succedere qualcosa di brutto? Non lo possiamo escludere, ma per il momento si parla solo di teorie che svicolano completamente dai fatti. Certo, possiamo presumere che qualcosa possa andare storto a causa dei repentini cambiamenti climatici e delle maree. Ma siamo ancora lontani da un catastrofico avvenire. Per il momento la Terra è al sicuro e lo sarà, con ogni probabilità, per molto tempo ancora.