controlli-del-fisco

Da alcuni mesi è in atto un incremento dei controlli fiscali sui conti correnti dei clienti Unicredit, Intesa Sanpaolo e BNL il cui obiettivo è quello di combattere l’evasione fiscale. Grazie ad un nuovo strumento, utilizzato in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, infatti, è diventato molto più facile scovare gli evasori

Si tratta del Risparmiometro, uno strumento completamente innovativo che grazie alle tecniche utilizzate, permette di scovare gli evasori fiscali che ad oggi sono riusciti a sfuggire anche alle più potenti tecnologie. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Fisco: nuovi controlli assediano i conti correnti dei clienti Unicredit e San Paolo

Il risparmiometro, lo strumento introdotto dall’Agenzia delle Entrate per combattere l’evasione fiscale, si basa su un potente algoritmo in grado di controllare in ogni minimo dettaglio tutte le entrate e le uscite dei conti correnti. In questo modo sarà molto più facile scovare gli evasori attraverso possibili incongruenze nei conti correnti.

Una volta effettuato il primo controllo e scovati i casi a rischio, ovvero quelli in cui lo scostamento tra le entrate e le uscite risulta essere superiore al 20%, l’Agenzia delle Entrate avvierà dei nuovi controlli più approfonditi in modo tale da capire se si tratta di un falso positivo oppure di un reale evasore fiscale. Grazie al Risparmiometro sarà quindi possibile scovare centinaia e centinaia di evasori ogni giorno.

Il lavoro del fisco però dovrà essere sostenuto da Unicredit, intesa Sanpaolo e BNL. I due istituti bancari, infatti, dovranno mettere a disposizione delle autorità i dati relativi ad oltre 750.000 conti correnti e più di 670 milioni di rapporti finanziari.