Social Network

I social network sono ormai parte della nostra vita quotidiana e possono influenzare anche nostre decisioni personali, anche il voto politico. Non stiamo solamente parlando di fake news, ma della struttura in sé e della rete capillare di queste applicazioni.

La rete può infatti contribuire a spostare il voto politico degli utenti verso una scelta o verso un’altra. A studiare questo fenomeno è stato un gruppo di ricerca dell’Università di Houston, che ha anche pubblicato i risultati dell’indagine su Nature. Scopriamo tutti i dettagli.

 

I social network influenzano la nostra vita e anche il nostro voto politico

L’idea iniziale degli scienziati era quella che in generale le decisioni della nostra vita sono influenzate dalle piattaforme come Facebook, Instagram, Twitter e molte altre. In queste piattaforme l’informazione è organizzata in base alle persone che seguiamo e ai nostri follower. Il biomatematico Alexander Stewart ha spiegato: “questo influenza sia le informazioni a cui siamo esposti, sia il modo in cui prendiamo le decisioni“.

I ricercatori hanno studiato gli algoritmi che governano le piattaforme e più precisamente hanno studiato il fenomeno del gerrymandering. La parola è di origine inglese e proviene da Elbridge Gerry, il governatore del Massachussets che oltre due secoli fa inventò un metodo molto particolare per ridisegnare i confini dei collegi elettorali. Questo metodo faceva sì che si potesse manipolare l’informazioni per aggregare il più possibile gli elettori verso il proprio partito.

Leggi anche:  Instagram si aggiorna: ecco i nuovi filtri e come sbloccarli

Gli scienziati, per scoprire come avviene oggi questo meccanismo, hanno creato un piccolo gioco elettorale che monitora il flusso di informazioni e che si basa su gruppi di dati reali. I ricercatori hanno condotto oltre 100 esperimenti online con più di 2.500 persone. Il gioco ha riprodotto uno scenario reale, una sorta di Twitter più piccolo, in cui le persone seguono altri utenti. Il gioco è matematico che premia i partiti in base a due criteri diversi. Premia il partito che vince con il 60% dei voti totali e in quel caso ogni membro guadagnerà due dollari.