boeing-737-maxBoeing si è appena costruita una pessima reputazione. La compagnia di volo americana ha registrato un danno di immagine non indifferente a seguito dello spaventoso incidente aereo che ha portato alla morte di 346 persone in Indonesia. I viaggiatori usano la diffidenza dettata dalla paura di precipitare. Le leggerezze degli ingegneri incaricati dello sviluppo e dell’ottimizzazione del velivolo siglato 737 Max stanno costando caro ad una compagnia ora in perdita. Il buco finanziario segna l’eclissi di una società che cede il posto a concorrente Airbus ed al suo innovativo A321 XLR. Ci sono ulteriori novità dopo la catastrofe peggiore del 2019.

 

Boeing 737 Max è ancora problematico: nessuno vuole più viaggiare con gli aerei della compagnia dopo le ultime scoperte

La statunitense Boeing ha collezionato due incidenti lo scorso anno. Le perizie hanno individuato le cause scatenanti degli impatti, ora riconducibili ad alcuni sensori difettosi. Tutto sembrerebbe aver avuto origine dal sistema anti stallo denominato MCAS. In seguito ad alcuni aggiustamenti tecnici pare non abbia risposto doverosamente al protocollo, causando quindi una errata interpretazione dei dati e la sciagura delle stragi di cui tutti abbiamo sentito parlare in radio e nei telegiornali.

La piattaforma tecnica incaricata di controbilanciare la spinta verso l’alto dei motori ha smesso di funzionare. In fase di pre-stallo il sistema MCAS dovrebbe intervenire puntando il muso dell’aereo verso il basso virando sul piano verticale con una spinta di bilanciamento che evita situazioni di pericolo. I dati sull’inclinazione hanno dipeso da sensori ora riconosciuti come difettosi che sono costati la vita dei passeggeri.

Il Capo Esecutivo del gruppo ha confermato che il 737 tornerà presto in volo munito di tutti gli accorgimenti necessari a garanzia della sicurezza. Nonostante questo prosegue il declino di una società che sembra non meritare fiducia dopo la scoperta di nuovi problemi relativi ad un lotto di lamelle e chip non idonei.