Truffe bancarie Unicredit Intesa Sanpaolo e bn

Un nuovo tipo di frode sta seminando timore sulle linee telefoniche di proprietà dei correntisti dei maggiori istituti bancari  e di credito della nostra nazione. Durante gli ultimi giorni, infatti, molti utenti sono stati pervasi da dei messaggi che inviati sotto nome, hanno esposto problemi nelle veci di  BNL, Unicredit, Intesa SanPaolo.

Non c’è alcun dubbio che, ancora una volta, abbiamo davanti a noi un limpido esempio di smishing ossia il phishing effettuato attraverso messaggi. In merito a tutto ciò è c’è poco da fare: i consigli legati alla propria sicurezza sono sempre i medesimi e seguirli non è molto difficile. In ogni caso, osserviamo nei dettagli un esempio pratico di questo fenomeno così da poterlo riconoscere velocemente.

BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo vengono utilizzate per atturare truffe agli utenti

Le nuove truffe che si stanno diffondendo attraverso SMS, posseggono caratteristiche molto simili a quelle effettuate via email (phishing). Attraverso questa affermazione, indichiamo che come al solito, tali tenativi di frode non fanno altro che spingere la vittima ad agire in maniera affrettata, ma soprattutto senza riflettere su ciò che sta accadendo. Grazie a questo modus operandi, i criminali del web che ideano tali truffe, riescono a perseguire i loro scopi in modo semplice effettivo. In ogni caso, vogliamo rassicurare i nostri lettori affermando che basta prestare un po’ di attenzione per scongiurare il rischio.

Leggi anche:  Fisco senza scrupoli: Agenzia delle Entrate spia conti Unicredit e Sanpaolo

Come si può osservare  nella  foto sopra  riportata, l’SMS inviato (in questo caso da un finto contatto BNL) allarma il cliente di un istituto bancario affermando che il suo conto è stato sospeso. Vi sono diverse tecniche da utilizzare in questi casi,  altri SMS propongono come oggetto anche la sospensione della carta, la sospensione della ricezione di un bonifico quindi prestate bene attenzione.

Al fine di non mettere a rischio i propri risparmi e i propri dati personali, il consiglio più indicato in questi casi è quello di non aprire per qualsiasi ragione il link in allegato. In aggiunta a ciò, eliminare il messaggio bloccando il mittente potrebbe essere un secondo passo al fine di non essere più ricontattati per gli stessi motivi