Le liste IPTV sono ormai sulla bocca di tutti, da diverso tempo anche noi di TecnoAndroid stiamo cercando di mettervi in guardia dal non utilizzare il sistema per accedere gratis a canali a pagamento. Il metodo è illegale (oltre che deprecabile), potreste rischiare una multa cospicua, ma anche la detenzione per un periodo più o meno lungo.

E’ vero comunque che le liste IPTV possono essere utilizzate in maniera perfettamente legale per vedere in Italia canali stranieri (di per sé gratuiti), che la televisione ad oggi non trasmette in automatico. Per sfruttare al meglio il tutto potrebbe essere necessario sfruttare le VPN.

IPTV e VPN: cosa sono e perchè utilizzarle

L’acronimo di per sé dice davvero poco, ma le VPN sono reti virtuali private (Virtual Private Network) alle quali si collegano un numero ristretto di utenti. Grazie all’utilizzo di un sistema di cifratura, queste diventano fondamentali per mascherare le attività svolte in rete dall’utente ed il suo indirizzo IP (viene creata una chiave praticamente impossibile da scoprire). Sfruttando le VPN potrete essere sicuri di mantenere al sicuro i vostri dati da occhi indiscreti; in rete si trovano abbonamenti gratuiti, se volete testare il servizio è la via più breve, ricordando comunque che promettono una limitazione della banda, nonché pubblicità ricreata sulla base delle vostre attività (poi è consigliato scegliere un contratto a pagamento).

Leggi anche:  IPTV: operazione "eclissi", chiuse tutte le piattaforme e addio a Sky gratis

Arrivati a questo punto vi starete domandando, cosa centrano le VPN con l’IPTV? ebbene dovete sapere che nel momento in cui utilizzate una lista IPTV, vi collegherete ad un server, mettendo così sotto gli occhi di tutti la vostra identità. Ogni canale inserito all’interno della lista è corrisponde ad un link ad un sito (come navigando in rete, per intenderci), di conseguenza molti utenti hanno scelto di utilizzare il suddetto sistema per nascondere le proprie attività ad occhi indiscreti.