Bankitalia, uso anomalo dei contanti: da lunedì partono i controlli

Dal prossimo lunedì partiranno ufficialmente i controlli in merito all’utilizzo anomalo dei contanti da parte della Uif, ovvero l’unità di informazione finanziaria che attualmente risulta incardinata in Bankitalia.

La riforma del 2017 include quindi l’invio delle comunicazioni su prelievi ed anche versamenti in banche, Poste e qualsiasi istituto di pagamento. Sarà quindi possibile conoscere il nome di chi ritira o anche versa banconote per un valore che supera i 10mila euro complessivi in 30 giorni.

 

Bankitalia avvia ufficialmente i controlli da questo lunedì

Le banche, Poste e tutti gli istituti di pagamento dovranno fornire necessariamente alla Uif i nomi di tutti coloro che superano il tetto di 10mila euro di prelievi e depositi in un mese, anche effettuando più operazioni da oltre mille euro.

La ‘comunicazione oggettiva’ dovrà essere fatta su una base mensile dalla quale non conseguirà la segnalazione automatica in merito ad una qualsiasi operazione sospetta. D’altro canto però le autorità da quel momento cominceranno a vigilare.

Le operazioni dovranno essere individuate tenendo conto di tutte le movimentazioni di denaro compiute dallo stesso individuo, che sia esso in qualità di cliente o anche di esecutore. Tutte le operazioni effettuate dall’esecutore sono imputate quindi anche al cliente “in nome e per conto del quale ha operato”. Il primo invio avverrà entro il 15 settembre 2019 e riguarderà tutti i dati in riferimenti ai mesi di aprile, maggio, giugno e luglio.