sim-clonate

L’estate è un periodo di vacanza, relax, e gli utenti sono più suscettibili a cadere nelle trappole degli hacker. Così come è pericoloso lasciare la casa incustodita troppo a lungo nei mesi estivi, è altresì rischioso cadere nelle truffe dei cyber-criminali. Sfruttando infatti l’apparente distrazione causata dal relax, cercano in tutti i modi di rubar i dati sensibili e quelli bancari.

Nel 2015 è stata inventata una truffa, tornata in auge proprio negli ultimi tempi, il cui scopo è quello di inasprire le misure di sicurezza per i conti correnti. Le nuove normative che hanno cambiato l’OTP hanno reso i conti più vulnerabili per una serie di motivazioni.

SIM clonate: il metodo più complesso per rubare i soldi dal conto corrente

La truffa in sé è abbastanza complessa, ma risulta efficace se portata a termine in tutti i suoi passaggi. Come primo posso c’è quello di cercare i dati della vittima nel Web, e nello specifico sui Social, affinché si possano ricreare dei documenti falsi con i quali si potrà chiamare l’operatore chiedendo una nuova SIM telefonica.

Leggi anche:  PayPal: nuove truffe colpiscono gli utenti Tim, Wind, Tre e Vodafone

Attenzione dunque a quello che postate sul Web. Data e luogo di nascita, residenza ed altri dati sensibili possono costarvi caro!

Una volta ottenuta la SIM in questione, il cybercriminale richiederà alla banca della vittima una copia della password di accesso per il servizio bancario online. Purtroppo gli operatori non hanno la facoltà di riconoscere la voce della vittima in questione, pertanto procederanno con il cambio della password inviando la nuova direttamente ai malintenzionati. In pochi minuti l’ignaro utente rischia di trovarsi senza soldi sul proprio conto.

La trasformazione da token fisico a Passoword temporanea (detta anche OTP) avviene tramite un SMS sul proprio numero, ecco perché risulta pericolosissimo il fenomeno della SIM Swap Scam, ovvero la copia della SIM da parte dei cyber-criminali.