phishing email truffa Unicredit Sanpaolo BNLCarte, libretti e conti correnti Unicredit e Sanpaolo sono sotto l’influsso negativo di una truffa online che passa per il circuito delle email. Si entra nel contesto di un pericolo molto conosciuto, altrimenti noto come phishing. Il metodo di attacco resta sempre lo stesso. L’hacker ci invita a prendere in considerazione l’urgenza di un’operazione di modifica dati che solo noi possiamo attuare. Si scade nella minaccia della sospensione o del blocco dei conti per inesattezza nelle dichiarazioni delle informazioni personali. Ed è proprio tramite queste che il conto viene azzerato tramite trasferimenti illeciti e acquisti che esauriscono i soldi. Ecco il nuovo messaggio sospetto usato dai cyber criminali.

 

Truffa ai danni dei correnti Intesa Sanpaolo e Unicredit: tutti i soldi finiscono in mano di sconosciuti

Si parla di truffa Unicredit e Sanpaolo ma non si deve commettere l’errore di pensare che le altre realtà bancarie siano immuni da questo genere di attacchi. Basta una email con un link contraffatto aperto a tutti per dare fondo al credito dei conti. Si passa quindi da un semplice messaggio scritto ad una pagina Internet con URL sospetta che ricalca appieno il layout del sito della banca ma che, in realtà, nasconde un questionario che raccoglie e registra i dati immessi. Vengono richieste generalità ed estremi del conto. Informazioni che una volta in mano agli hacker consentono l’accesso all’area protetta e la possibilità di fare acquisti. Siamo nel contesto del pharming.

Leggi anche:  Hai vinto un nuovo smartphone: novità per la truffa che svuota i conti

Per difendersi esistono diversi metodi. Il primo è l’assoluta diffidenza nel considerare lecita una comunicazione di allarme che sembra fin troppo costruita. La banca non comunica per mezzo di semplici messaggi email ma attua una comunicazione unidirezionale in Area Riservata. NON c’è pericolo che carte e conti vengano bloccati. Nel 99% dei casi si tratta di una trappola che noi stessi attiviamo. Chiedere ulteriori informazioni al proprio istituto è un altro sistema per stare fuori dai guai. Diffidate sempre da questo genere di comunicazioni.