IPTV: Le Iene hanno ragione, utenti distrutti dalle multe e dal servizio che chiude

Tra pochi giorni ricomincia la Serie A ed i palinsesti Sky, dopo la pausa estiva del campionato, sono pronti a riaccendersi con il grande calcio in esclusiva. Anche quest’anno però – come lo scorso – la pay tv dovrà fare particolare attenzione alla concorrenza non voluta dell’IPTV illegale, la tecnologia che molti conoscono con il nome “pezzotto”.

 

IPTV illegale: crescono i rischi per tutti gli utenti che vogliono Sky gratis

Lo scorso anno più di due milioni di persone hanno scelto per periodi più o meno lunghi l’IPTV illegale al posto di un regolare abbonamento Sky. Il pezzotto garantisce la visione di un grande ticket con i contenuti della stessa Sky più quelli di DAZN e Netflix ad un prezzo di 10 euro.

Il risparmio economico però non è il solo fattore da tenere in considerazione. Vanno, infatti, considerati anche i rischi, a partire dalle sanzioni pecuniarie che, stando alle normative attuali, possono raggiungere anche i 10mila euro. In alcuni casi, specie per chi porta il segnale nelle case degli italiani, è prevista anche la galera. 

Ulteriore deterrente per l’IPTV è anche la mancata affidabilità.A differenza di Skyil pezzetto è portatore di numerose carenze di segnale unita ad una pessima qualità delle immagini.

A conti fatti, tenuti presenti benefici e controindicazioni, per la visione della Serie A è sempre meglio affidarsi alle tv a pagamento.