fortnite

Il futuro delle competitive su Fortnite prende il via domani con la Champion Series, ma questio ha dato il via a delle problematiche che lo sviluppatore di contest di e-sport Epic Games deve affrontare se vuole tenere alto il livello. Il problema non è il premio in denaro o chi è autorizzato a partecipare ma la presenza dei mech in-game. E fanno bene a preoccuparsi i giocatori: un incredibile montepremi di 10 milioni di dollari aspetta il vincitore di questo torneo.

Epic ha lanciato la sua stagione Fortnite più recente, a decima, soprannominata Stagione X, pochi giorni dopo la conclusione del suo evento di grande successo nella Coppa del Mondo a New York City, dove un sedicenne è stato incoronato vincitore solista e portato a casa 3 milioni di premi in denaro. Si è anche spostato rapidamente per iniziare a pianificare la sua prossima grande serie di tornei, che ora si chiama Champion Series, con una manciata di tornei ogni settimana che culminano in una gara di tre giorni a fine settembre.

Ma con il lancio della Stagione X, è diventato molto presto chiaro che qualcosa non andava. La stagione, come la maggior parte degli altri durante l’ascesa meteorica del gioco ai vertici dello zeitgeist di gioco negli ultimi due anni, è arrivata con un’aggiunta gigantesca e avvincente. In passato, sono stati elementi come questo che hanno cambiato il gioco: come aeroplani pilotabili e talvolta drastici cambi di mappa, come un’isola galleggiante o un enorme vulcano. Questa volta, si trattava di tute meccaniche, indicate come B.R.U.T.E.s nel gioco. Richiedono due persone per guidarli, ma sono devastanti anche per una coppia di giocatori moderatamente qualificati, che garantiscono 1.000 punti salute (o cinque volte il massimo di un giocatore umano) e una serie di armi che possono distruggere anche il il più talentuoso dei costruttori in pochi secondi.

Leggi anche:  Fortnite: ecco i nuovi contenuti dopo l'aggiornamento

 

Una questione di oggettività

Molti giocatori hanno messo in dubbio principalmente l’ingiustizia della mech contro cui giocare, con il pilotaggio di nemici in grado di sparare 10 missili a ricerca di calore ogni pochi secondi. Combinato con l’elevata salute della tuta, la capacità di calpestare la velcoità del fucile da combattimento a fuoco rapido.

Inoltre, Epic inizialmente ha avuto la possibilità di innescare numerose tute meccaniche all’inizio del match impostate al 100 percento, garantendo in modo efficace che ogni match avrebbe comportato una gara per vedere chi si sarebbe aggiudicato per primo il posto da pilota. Il risultato è stato un livello senza precedenti di scontri nella comunità, su ciò che è stato visto come un’aggiunta rivoluzionaria e pessima allo stesso tempo.