Emissioni radioattive

Gli smartphone accompagnano la vita degli utenti ogni giorno e che quest’ultimi ne facciano un uso intensivo non è un segreto per nessuno. Sempre più spesso è solito vedere persone con il telefono sempre a portata di mano, come se posarlo qualche ora rappresentasse una vera e propria apocalisse.

In merito a questo sempre più diffuso stile di vita, sono state diffuse online differenti notizie ed in queste sono comprese anche quelle in merito alle emissioni radioattive. Cosa sono queste ultime? Beh, dei fenomeni prodotti dalle antenne inglobate all’interno degli smartphone.

Emissioni radioattive: un focus su questo ultimo fenomeno che ha preoccupato gli utenti

Visto l’uso persino esagerato che si fa degli smartphone, alla diffusione di eventuali notizie riguardanti delle emissioni radioattive un po’ di panico è stato seminato e diversi dubbi sono nati a riguardo. Anzitutto, quando si parla di radiazioni emesse dagli smartphone, è importante appurare che non si tratta di fake news, ma bensì di fatti reali e studiati dalla scienza.

Allo stesso modo, però, non bisogna preoccuparsi e allarmarsi senza alcun motivo visto che le ricerche in merito sono numerose e possono rispondere ad ogni tipo di domanda. Partendo dalla più gettonata possiamo informarvi che no, le emissioni radioattive prodotte dagli smartphone non causano mutazioni genetiche; questo perché sono di tipo non ionizzante e per niente uguali alle onde Gamma o ai Raggi X.  Alternativamente a ciò, esse possono provocare il surriscaldamento dei tessuti, generando danni minori.

Leggi anche:  LG e il prossimo top di gamma della sere V ThinQ: addio al notch

In secondo luogo, possiamo confermare che tutti gli smartphone immessi sul mercato sono sicuri per l’uomo e questo poiché rispondono ad una serie di normative; tra le più importanti quella in merito ai valori SAR che fissa un limite a 2 watt per chilogrammo: soglia limite per la sicurezza dell’uomo.

Infine, per concludere le informazioni più salienti, informiamo ogni utente che le radiazioni non sono emesse in modo continuativo dagli smartphone, ma solo in determinati casi, come durante l’uso delle antenne in chiamata. Al fine di prevenire ogni tipo di danno, quindi, potrebbe risultare comodo utilizzare un paio di cuffiette.

Di seguito ecco una recente classifica degli smartphone con un più alto valore Sar

radiazioni-smartphone