Una nuova truffa colpisce i clienti di BNL, Unicredit e Intesa San Paolo; a confermarlo sono le segnalazioni che i consumatori hanno inviato con la speranza di risolvere il problema e ricevere un rimborso.

Purtroppo la Polizia Postale combatte ormai da molti anni le truffe online, ma sfortunatamente il continuo avanzamento della tecnologia permette ai cyber criminali di ideare sempre nuovi metodi; nella maggior parte dei casi, le vittime ricevono la truffa tramite email, SMS o messaggi su Whatsapp.

Truffe bancarie: ecco come riconoscerle

Grazie alle segnalazioni ricevute, il nuovo metodo attuato dagli hacker è molto più chiaro; a quanto pare, le vittime colpite hanno ricevuto un’email di pagamento per un reale servizio ricevuto.

Gli hacker con delle specifiche attrezzature sono riusciti a rilevare le vere email e a modificarle prima di essere spedite; in particolar modo, è bastato modificare solamente il vero codice iban su cui la vittima doveva effettuare il pagamento con uno falso; così facendo, il cyber criminale è riuscito a ricevere tutti i pagamenti che le vittime hanno versato e ad eliminare tutte le traccie per non essere scoperto.

Leggi anche:  Unicredit e Sanpaolo: clienti subiscono nuove truffe sui conti correnti

La Polizia Postale è già al lavoro per scovare questi truffatori in modo da rimborsare le vittime colpite; comunque sia, è importante prestare maggiore attenzione durante questo tipo di pagamento e controllare accuratamente la sicurezza dell’email. Scaricare un anti phishing sarebbe un’ottima soluzione perché ha il compito di rilevare tutti i messaggi sospetti ed eliminarli direttamente; inoltre questi servizi sono spesso gratuiti, efficaci e garantiscono ai loro utenti una sicurezza maggiore.