skypereverselogo-microsoft-logoAmazon, Google e Apple sono stati recentemente analizzati a causa del modo in cui hanno consegnato clip audio ai revisori umani con la conoscenza degli utenti. Tutte e tre le società hanno commentato e sospeso i loro programmi per evitare possibili azioni legali e ulteriori contraccolpi.

Si scopre che non sono solo gli assistenti intelligenti a comando vocale coinvolti in questa pratica aziendale. Anche le chiamate Skype, a lungo considerate sacrosante, sono apparentemente sottoposti allo stesso trattamento.

Skype, ora anche Microsoft nel mirino della privacy

Gli utenti hanno appena ipotizzato che determinate espressioni, a causa della loro natura sensibile, siano rese private per impostazione predefinita. Alcuni di loro potrebbero essere consapevoli che stanno accettando di analizzare le registrazioni per migliorare il loro servizio. Nessuno di questi, tuttavia, rivela mai che quelle registrazioni sono effettivamente ascoltate dagli umani.

Peggio ancora, è il caso di Skype, ora di proprietà di Microsoft. Esso viene utilizzato per molti tipi di chiamate vocali e video, che vanno dalle aziende alle persone. In entrambi i casi, chi la utilizza crede nel valore della privacy. Tuttavia, Microsoft potrebbe aver violato quel principio di base alle loro spalle.

Un appaltatore Microsoft dice a Motherboard che sono in grado di ascoltare le clip di quelle chiamate che vanno da cinque o dieci secondi a più di questo. Questo è vero anche per i comandi vocali di Cortana. Mentre Skype presenta agli utenti una dichiarazione di non responsabilità sul miglioramento del servizio di traduzione mediante l’analisi di campioni audio, non dice nulla sui revisori umani.

Ancora più preoccupante, tuttavia, la sicurezza segnalata da Microsoft si tratta di ciò che gli appaltatori sono in grado di accedere o, in questo caso, divulgare.