ryanair sciopero piloti

Questa ultima parte di estate potrebbe riservare delle brutte sorprese per chi ha scelto di viaggiare con Ryanair, la compagnia aerea low cost. Infatti, sono previsti possibili disagi a causa dello sciopero indetto dal sindacato autonomo dei piloti britannici Balpa (British Airline Pilots Association).

Questo ente ha proclamato una doppia agitazione per protestare contro le condizioni di lavoro del personale viaggiante di Ryanair, laddove il trattamento economico e il rispetto degli accordi sindacali sono al centro del tavolo. Per quanto riguarda i viaggiatori preoccupati da questa ferale notizia, l’astensione dal lavoro dei piloti iscritti al Balpa è stata fissata per una durata di 48 ore fra il 22 e il 23 agosto e per ulteriori 60 ore dislocate tra il 2 e il 4 settembre 2019.

 

Sciopero piloti Ryanair per le destinazioni verso il Regno Unito

La protesta lanciata dai piloti con base in Gran Bretagna porterà sicuramente a delle ripercussioni sui voli di tutta Europa, inclusi quelli da e per gli aeroporti italiani. Sebbene l’agitazione sindacale arrivi nel pieno della stagione turistica, dove immaginiamo che migliaia di passeggeri utilizzeranno gli aerei della compagnia irlandese per raggiungere i luoghi di vacanza, i motivi sono più che giustificati. 

Leggi anche:  Ryanair: allarme sciopero, voli annullati il 22 e 23 agosto 2019

L’azione è infatti stata decisa dopo che Ryanair ha per decenni rifiutato di firmare accordi sindacali per venire incontro alle varie contestazioni sul calcolo delle pensioni, sulle garanzie assicurative, sui benefici legati alla maternità o alla paternità, su rimborsi e struttura dei salari.

Sotto la spinta dei piloti della compagnia low cost, infine, nel Regno Unito è in programma anche uno sciopero dei colleghi della British Airways, promosso ancora dalla Balpa e sempre in agosto.