Nuovi e molto più approfonditi controlli per i consumatori che hanno aperto un conto corrente con Unicredit, BNL o Intesa San Paolo; la decisione arriva dal Fisco che insieme all’Agenzia delle Entrate ha dichiarato guerra alla famosa evasione fiscale e a tutti i suoi evasori.

Purtroppo, si continua a parlare di evasione fiscale nonostante la tecnologia avanzata abbia permesso controlli più frequenti; a quanto pare, Fisco e Agenzia delle Entrate hanno ideato un nuovo metodo per dei controlli più approfonditi a cui sarà difficile scappare.

Unicredit, BNL e Intesa San Paolo controllati dal Fisco e dall’Agenzia delle Entrate

Stiamo parlando di un nuovo algoritmo ideato appositamente per combattere qualsiasi evasore fiscale: il Risparmiometro; tutti i consumatori con un conto corrente aperto saranno controllati per verificare che tutti i conti siano in regola.

Leggi anche:  Fisco: arrivano i controlli con l'Evasometro, attenzione ai conti correnti

Il suo funzionamento è abbastanza semplice nonché efficace: inizialmente controllerà il rapporto tra le entrate e le uscite ma successivamente, il risultato sarà confrontato con la dichiarazione dei redditi del proprietario del conto corrente. Nel momento in cui, l’algoritmo troverà una fonte di guadagno illecita o non dichiarata sarà chiamato in causa il contribuente che dovrà rispondere di fronte alle autorità in determinate sedi; ovviamente, per evitare falsi positivi l’algoritmo sarà controllato da un operatore umano.

Per i suoi controlli, il Risparmiometro potrà verificare i dati di oltre 750 milioni di conti correnti, di tutte le carte di credito e di 670 milioni di rapporti finanziari; tutto ciò grazie al database del Fisco e della Guardia di Finanza messo a disposizione.