I maggiori Istituti di Credito Bancari sono senza ombra di dubbio quelli di Unicredit, Intesa San Paolo e BNL perché gran parte dei cittadini italiani hanno aperto un conto corrente con loro; tutti questi clienti però, hanno portato Agenzia delle Entrate e Fisco a collaborare insieme per scovare i numerosi e famosi evasori fiscali.

Difatti, tutti i consumatori che hanno un conto corrente aperto saranno controllati accuratamente da un nuovo sistema ideato dall’Agenzia delle Entrate; ecco di cosa si tratta.

Fisco: ecco il nuovo metodo di controllo

Come anticipato precedentemente, l’Agenzia delle Entrate e Fisco hanno collaborato insieme per combattere tutti gli evasori fiscali controllando tutti i conti correnti aperti tramite un nuovo metodo ideato da loro; trattasi di un algoritmo con il nome di Risparmiometro che riesce a controllare tutti i consumatori in maniera molto più selettiva.

Possiede un funzionamento abbastanza semplice, infatti gli basterà controllare e calcolare il rapporto tra entrate e uscite per rilevare un eventuale scostamento; questo calcolo sarà poi confrontato con la dichiarazione dei redditi del consumatore per verificare che sia tutto in regola.

Leggi anche:  Risparmiometro: cos’è e come funzionano i controlli sui conti correnti

Il nuovo algoritmo potrà beneficiare dei dati di oltre 750 milioni conti correnti, le carte di credito e 670 milioni di rapporti finanziari grazie al database che hanno messo a disposizione il Fisco e la Guardia di Finanza; i primi consumatori che saranno controllati saranno coloro che hanno un conto corrente aperto con Unicredit, Intesa San Paolo e BNL.

Quando il Risparmiometro rileva una fonte di guadagno illecita o non dichiarata, il contribuente sarà chiamato per rispondere di fronte alle autorità competenti; ovviamente, l’algoritmo sarà sempre controllato da un operatore umano in modo da evitare falsi positivi.