Attenzione alla nuova truffa che circola su WhatsApp

Su WhatsApp ognuno di noi invia decine, se non centinaia di foto, in una settimana senza preoccuparsi minimamente di quelli che sono i rischi legati alla sicurezza. Oramai le foto sono diventate una parte fondamentale della comunicazione odierna. Proprio per questa ragione, però, è indispensabile prendere tutte le accortezze del caso per la propria privacy.

 

WhatsApp, per chi usa Android il salvataggio delle immagini può essere pericoloso

Stando ad alcuni report raccolti da Symantec, per chi è in possesso di un cellulare Android si presentano pericoli per la gestione delle foto. Gli smartphone con sistema operativo Android possono contare su una memoria interna (con accesso esclusivo per WhatsApp) e sua una memoria esterna (con accesso libero anche per altre app).

Quando si sceglie di memorizzare una foto su memoria interna non ci sono problema. Quando invece si opta per la memoria esterna, si attiva un allarme sicurezza. In tal caso, infatti, l’immagine salvata potrebbe essere condivisa con altre app, con conseguente rischio di una condivisione non voluta da parte di terzi.

Le analisi di Symantec sottolineano anche una sorta di comportamento ideale per chi ha smartphone Android. Per le immagini riservate o personali – per evitare un’ipotetica condivisione – è consigliabile scegliere l’archiviazione se memoria internet. Per altre immagini, invece, si può scegliere il percorso della memoria esterna. I report di Symantec, inoltre, portano in evidenza un’altra criticità: per le foto, spesso, anche la crittografia end-to-end di WhatsApp può far poco dinanzi alle azioni degli hacker.