huawei-usa-trump-posti-di-lavoro-sanzioni-ban-tecnologia
Huawei sta per tagliare centinaia di posti di lavoro dai suoi centri di ricerca e sviluppo con sede negli Stati Uniti. Questo è quanto segnalato dal Wall Street Journal. Il supporto basa le sue informazioni su fonti vicine al file. Per ora, il produttore cinese non ha confermato ufficialmente questi tagli di posti di lavoro.

Secondo il report, Huawei eliminerebbe una parte significativa degli 850 dipendenti di Futurewei Technologies, una filiale dedicata alla ricerca e allo sviluppo. Ci sono uffici Futurewei a Silicon Valley, Dallas e Seatle. Per mantenere la loro posizione, i cittadini cinesi dovrebbero tornare in Cina.

Huawei potrebbe licenziare una parte dei dipendenti negli Stati Uniti

Alla fine di giugno, Futurewei Technologies si è allontanata dalla sua società madre separando pubblicamente il suo business Huawei. Allo stesso modo, il logo Huawei non è più utilizzato nelle comunicazioni ufficiali di Futurewei.

Leggi anche:  Huawei Mate 20 X: le prime unità sono andate a ruba in meno di un'ora

Centinaia di americani sono a rischio di perdere il lavoro a seguito del decreto emanato dall’amministrazione Trump. Le misure di Washington stanno danneggiando l’economia americana. Durante l’anno, aziende americane come Qualcomm, Intel e Micron perderanno miliardi di dollari. Non sorprende che stiano conducendo una campagna per la revoca delle sanzioni contro Huawei.

Al G20, Donald Trump ha annunciato un allentamento delle sanzioni. Per le ultime notizie, il Dipartimento del Commercio dovrebbe pertanto concedere licenze di vendita a determinate aziende che intendono negoziare con Huawei. Per il momento, tuttavia, il gruppo cinese rimane nella lista nera delle entità che rappresentano un rischio per la sicurezza nazionale.