svelato il mistero delle piramidi di giza in egitto

Le Piramidi di Giza sono una delle maggiori attrazioni dell’Egitto e una delle più belle e intriganti testimonianze della storia che ha preceduto l’attuale mondo contemporaneo. Ritenute imponenti ed importanti sotto vari aspetti, le tre tombe ospitano ogni anno migliaia di turisti. Tra queste, la costruzione funebre più grande, la Piramide di Cheope, è persino l’unica delle sette meraviglie del mondo attualmente visitabile.

Nonostante siano molte le notizie sulle Piramidi e sull’antico Regno d’Egitto, per anni sono stati altrettanti i misteri su come queste siano state costruite ma oggi, finalmente, sarebbero pervenute delle notizie in merito a tutto ciò.

Piramidi di Giza: i materiali sarebbero stati trasportati attraverso il Nilo

Grazie al ritrovamento di alcune assi di legno nei pressi dell’intero sito archeologico è stato confermato che per la costruzione delle tre Piramidi di Giza venne fatto ricorso ad una forza navale e alla risorsa più importante dell’intero Egitto: il Nilo.

Attraverso un recente documentario intitolato “Great Pyramid of Egypt: The New Evidence” sono stati svelati diversi retroscena sulla costruzione vera e propria della necropoli. Per mezzo del lavoro degli archeologici che va avanti dall’ormai 1954 è stato confermato che una delle sfide più impressionanti e portate a termine è stata senza ombra di dubbio il trasporto di circa 17 mila tonnellate di calcare per ricoprire la piramide più grande. Fino a poco tempo fa si ignoravano i metodi con cui questo materiale venne trasportato fino a Giza, ma oggi sono state fornite delle risposte.
Tramite le tecnologie moderne più avanzate è stato possibile affermare che le antiche travi di legno, rinvenute nei dintorni delle Piramidi di Giza, appartenevano alla flotta navale del Faraone Khufu, il quale utilizzò questa sua risorsa per estrarre e trasportare il calcare da Torah alla futura necropoli.

Leggi anche:  Egitto: svelata l'incredibile scoperta nella piramide di Giza