fbi-privacy-social-media-sorveglianza-sicurezza-privacy-internet

L’FBI vuole raccogliere più informazioni dai social media. Oggi, ha emesso una richiesta di contratti per un nuovo strumento di monitoraggio dei social media. Secondo una richiesta di proposte (RFP), sta cercando uno “strumento di allerta precoce” che possa aiutare a monitorare gruppi terroristici, minacce interne, attività criminali e simili.

Lo strumento fornirebbe all’FBI l’accesso ai profili dei social media completi di persone di
interesse. Ciò potrebbe includere informazioni come ID utente, e-mail, indirizzi IP e numeri di telefono. Lo strumento consentirebbe inoltre all’FBI di tenere traccia delle persone in base alla posizione, abilitare il monitoraggio permanente delle parole chiave e fornire accesso alla cronologia dei social media personali.

FBI vuole anticipare le mosse di gruppi terroristici e attività criminali

Ma uno strumento di questo tipo rischia di sollevare alcune bandiere rosse, nonostante l’appello dell’FBI per “garantire che tutti i requisiti di conformità alla privacy e alle libertà civili siano soddisfatti. “Il governo non ha il miglior curriculum per quanto riguarda la sorveglianza sui social media.

Leggi anche:  Apple e Siri: è stato bloccato il programma globale dopo le lamentele

All’inizio dell’anno ACLU ha citato in giudizio il governo per il suo uso della sorveglianza dei social media sugli immigrati. L’amministrazione Trump ha proposto di permettere ai funzionari di curiosare sui social account multimediali dei destinatari della disabilità di Social Security.

Monitorare i social media per le minacce ha senso, in una certa misura. E la CIA investe già pesantemente nei propri strumenti di monitoraggio delle reti sociali. Ma c’è il pericolo che uno strumento come questo possa essere abusato da chi detiene il potere e violare le libertà civili.