Vodafone

Vodafone Italia lancia la lodevole iniziativa “Save the Planet” per eliminare la plastica monouso dai propri uffici. Con l’hashtag #contribuiscoancheio, “Save the Planet” parte in questi giorni dalla sede milanese del Lorenteggio, per essere poi estesa gradualmente, a partire da settembre, alle principali sedi Vodafone sul territorio.

L’iniziativa prevede azioni concrete quali l’eliminazione delle bottiglie d’acqua, dei bicchieri e delle palettine in plastica per le bevande calde e la sostituzione con prodotti eco-compatibili. Secondo i dati raccolti da Vodafone, con “Save the Planet” si abbatterà il consumo di 700.000 bottiglie e di 1.500.000 di bicchieri in plastica in un anno.

 

Vodafone impegnata per salvare il pianeta Terra

Inoltre Vodafone Italia continua a promuovere numerose iniziative per lo sviluppo tecnologico delle proprie infrastrutture di rete finalizzate al risparmio energetico e alla riduzione delle emissioni in atmosfera. In particolare, sono proseguite le attività di diffusione su tutti gli apparati di rete delle tecnologie per lo spegnimento intelligente.

Lo spegnimento intelligente delle risorse radio e lo sviluppo della tecnologia per l’ottimizzazione delle configurazioni radio. Rilevanti anche gli interventi per rendere più efficienti i locali che ospitano gli apparati di rete con l’implementazione delle tecnologie di raffreddamento (Free Cooling 2.0) e sistemi di controllo dinamico della climatizzazione.

Grazie agli interventi sulla rete e all’evoluzione della tecnologia mobile, Vodafone ha risparmiato 151 mila tonnellate di CO2 pari alla quantità assorbita da oltre 180.000 alberi nel loro ciclo di vita. Il 71% dell’energia utilizzata da Vodafone proviene da fonti rinnovabili.

L’operatore contribuisce alla riduzione generale delle emissioni in atmosfera anche grazie ai servizi e alle soluzioni innovative a disposizione di cittadini e imprese. Secondo uno studio condotto da Vodafone, si stima che il contributo delle tecnologie mobili alla riduzione delle emissioni in Europa nel 2020 potrà essere quantificata in 110 mila tonnellate di CO2.