fortnite

Dai più piccoli ai più grandi ormai è risaputo, Fortnite è un tormentone che attira ogni giorno milioni e milioni di utenti. Con il rilascio di 9 stagioni diverse e di un aggiornamento ogni settimana, il gioco si è evoluto molteplici volte, raggiungendo ad oggi la versione 9.30 #3. Il seguente aggiornamento, di cui potrete trovare i dettagli al seguente link, è principalmente dedicato all’introduzione di una nuova meccanica di gioco: l’Attacco Aereo. 

Attraverso l’utilizzo di una nuova granata gli utenti potranno quindi segnalare una zona che, successivamente, verrà attaccata da una serie di missili provenienti dal cielo. In totale i missili che raggiungeranno il suolo sono 20 e colpiranno casualmente all’interno di un raggio di 9 metri rispetto alla nostra segnalazione. La potenza di quest’arma, però, risiede nei danni inflitti che ammontano a 75 per i giocatori e a 200 per le strutture. Un’arma molto potente quindi che cambia totalmente la modalità di gioco.

Se da un lato l’Attacco Aereo può essere una meccanica interessante e divertente per tutti i casual gamer che non vedono l’ora di testarlo in pubblico, ma soprattutto in lobby private con gli amici, dall’altro i pro player che accedono alle competizioni mondiali del gioco, si sono infuriati e non poco. Scopriamo di seguito il motivo.

Fortnite 9.30 #3: pro player infuriati a causa dell’ultimo update

Come molti di voi sapranno, Fortnite a volte non è un semplice gioco. Molteplici volte, infatti, attraverso le qualificazioni settimanali, gli utenti di tutto il mondo possono provare a qualificarsi per uno dei tornei con montepremi esagerati che arrivano fino a 30 milioni di dollari. Nei primi giorni di luglio, infatti, è iniziata ufficialmente la Fortnite World Cup, di cui vi abbiamo parlato precedentemente a questo indirizzo, nella quale gli eSporter provenienti da tutto il mondo si stanno contendendo le prime posizioni. L’introduzione dell’Attacco Aereo, quindi, è diventata una vera e propria minaccia per tutti i pro player che da mesi si allenano per questo torneo ed ora sono costretti ad adattarsi a questa nuova meccanica i gioco.

Gli eSporter si sono quindi infuriati con Epic Games affermando che la società non è interessata realmente al mondo delle competizioni e degli eSport, ma soltanto alla pubblicità che ne trae da questi ultimi. Voi cosa ne pensate? fatecelo sapere nei commenti.