Gmail-aggiornamentoGmail sta offrendo un nuovo aggiornamento. Si passa da semplici modifiche concettuali a funzionalità che sconfiggono ogni altro servizio attivo nel ramo della posta elettronica. Outlook e PEC sono state sconfitte da un nuovo layout accattivante e da feature che nessuno poteva aspettarsi.

 

Gmail batte tutti: grande aggiornamento per gli utenti

Nuova versione di Gmail per gli utenti Android, iOS e Desktop ansiosi di provare le 3 novità del momento. Nel buio più assoluto si fa strada la Dark Mode che rende più intrigante la grafica offrendo un sistema più riposante per gli occhi e meno avido di risorse. La modalità scura si uniforma ai canoni stilistici delle ultime Beta Android Q e pone nuovi paletti al classico layout bianco pallido dell’applicazione.

Ma le modifiche essenziali sono ben più in profondità. Per la parte strettamente tecnica si discute su Smart Compose e Dynamic Mail. Entrambe sono funzioni gestite a livello di algoritmo ad Intelligenza Artificiale. Offrono un valido supporto informativo ed un sistema che facilita la stesura dei messaggi.

Gmail Smart Compose fa esattamente quello che dice. Rende più agevola la scrittura delle email mediante un motore che suggerisce parole e frasi in tempo reale. Usa quindi un sistema predittivo basato sui lemmi più usati e sul contesto del periodo. Scrivere le proprie email diventa più facile e veloce.

Gmail Dynamic Mail, invece, si prefigge lo scopo di semplificare l’accesso ai dati dei moduli web. Anziché uscire dall’app per entrare nel browser si offre l’opportunità di compilare i dati direttamente dalla pagina corrispondente dentro l’app di posta. Particolarmente utile per rispondere ad annunci di lavoro o proposte commerciali.

Google ha rivoluzionato il segmento della corrispondenza elettronica. Per il futuro si prevedono ulteriori miglioramenti. La software house di Mountain View intende primeggiare ancora una volta in un settore che vede una competizione particolarmente agguerrita. Che ne pensate dei recenti cambiamenti? A voi la parola.