fisco nuovi controlli

Tutti gli utenti che hanno aperto un conto presso un’Istituto bancario come Unicredit, BNL e Sanpaolo, devono attendersi nuovi controlli da parte del Fisco. L’Agenzia delle Entrate di fatto, grazie alla nuova arma in suo possesso, il “risparmiometro“, potrà controllare nelle . tasche di tutti i cittadini al fine di evitare l’evasione fiscale.

Il primo problema da debellare per lo Stato Italiano, è proprio quello della lotta ai furbetti che non pagano le tasse e i contributi o lavorano in nero senza un regolare contratto. Mediante questo nuovo servizio dell’Agenzia delle Entrate infatti, si potranno controllare tutte le spese e le entrate di tutti i nuclei familiari italiani in maniera agevole. Il governo, di fatto, ha dichiarato lotta dura e aspra a tutti gli evasori.

Sempre più spesso si sentono frasi del tipo “Facciamo fra di noi?” oppure “Con fattura ti viene 200 Euro, senza 150“. Il lavoro in nero è sempre sbagliato, perché non pagando le tasse, di creano danni per l’intera comunità. Non saranno ammessi infatti anomalie di alcun tipo all’interno dei bilanci familiari.

Leggi anche:  Unicredit, BNL e SanPaolo autorizzano i controlli sui conti correnti

Cosa farà scattare l’allarme di un eventuale controllo?

A far scattare l’allarme di un eventuale controllo saranno le grandi spese come quella di un’immobile o di una vettura di lusso, una seconda casa al mare o una grossa moto sportiva. Ma non solo: al fine di prevenire in tutti i modi l’evasione, saranno analizzate anche le spese sul cibo, sul vestiario e perfino sulla salute.

Il risparmiometro vedrà tutte tali uscite e le confronterà con le entrate di ogni componente all’interno del nucleo familiare. Qualora vi sia troppa differenza fra i due valori (non dovrà superare il 20%), allora scatteranno i controlli da parte di un agente del Fisco e successivamente della Guardia di Finanza.

Anche i nullatenenti maggiorenni studenti o disoccupati saranno soggetti a ipotetici controlli. Grande attenzione verrà posta anche ai depositi bancari che potrebbero essere un modo per conservare lo stipendio di un eventuale lavoro in nero.