android-q-salvavita-funzione-google-smartphone-privacy-autorizzazione-problema-app-spia-
Quando installi una nuova app e ti viene chiesto il permesso di accedere a cose come i tuoi dati sulla posizione e non è necessario, probabilmente dici solo no. E quando rifiuti queste autorizzazioni, ti fidi del rispetto dell’app per questa decisione. Ma una nuova ricerca mostra che oltre un migliaio di app stanno effettivamente aggirando tali autorizzazioni.

Persino peggio, Google dice che non sono in grado di fare nulla al momento ma stanno lavorando per proteggere i tuoi dati con l’imminente Android Q. Secondo un articolo su CNet, i ricercatori dell’International Computer Science Institute hanno scoperto che 1,325 app Android hanno superato le restrizioni imposte dagli utenti.

Google risolverà il problema con Android Q

Le app continuano a raccogliere la geolocalizzazione e gli identificativi del telefono anche dopo aver negato loro il permesso di farlo. Quindi, in sostanza, se le app possono fare tutto questo, chiederci il permesso è fondamentalmente inutile e privo di significato.

I ricercatori hanno esaminato più di 88,000 app sul Google Play Store, cercando di tracciare come i dati sono stati trasferiti (o presumibilmente non trasferiti) quando è stata loro negata l’autorizzazione. Ma 1325 di questi erano in grado di aggirare le restrizioni perché avevano qualcosa di nascosto nel codice.

Alcune app si basavano anche sull’altra autorizzazione concessa a ottenere identificativi del telefono come i numeri IMEI.  Sia Google che la Federal Trade Commission sono stati informati dei risultati dei ricercatori. Google ha detto che affronterà questo problema con l’imminente aggiornamento di Android Q.

Android Q dovrebbe essere rilasciato entro la fine dell’anno. Nasconderà le informazioni sulla posizione dalle app e richiederà anche autorizzazioni su connessioni Wi-Fi. Comunque, anche alcuni sviluppatori conosciuti come Baidu, Disney e persino le app Health and Browser di Samsung stanno facendo altrettanto. Dopo che Android Q sarà uscito, si spera, i ricercatori faranno un altro studio per controllare queste oltre 1000 app.