amazon-satelliti-internet-elon-musk-tecnologia-fcc-stati-uniti-orbita-700x400

Amazon si sta muovendo abbastanza rapidamente sul suo piano per distribuire migliaia di satelliti Internet. La società ha chiesto il permesso alla FCC di lanciare 3.236 satelliti come parte del Progetto Kuiper. La navicella spaziale sarebbe raggruppata in 98 piani orbitali,
e volare ad altitudini tra 366 e 391 miglia.

Il report ha ribadito i piani di Amazon di collegare “decine di milioni” di persone in tutto il mondo, anche se l’azienda ha avvertito che non poteva coprire tutto. Ha chiesto una rinuncia al requisito di servire gli Stati Uniti con i suoi satelliti per non coprire le parti dell’Alaska.

Amazon come SpaceX, chi riuscirà meglio ?

Userebbero Ka-frequenze di banda come quelle che Iridium utilizza per collegamenti (non connessioni utente) con i suoi ultimi satelliti, e Amazon chiede l’autorizzazione per utilizzare la tecnologia anti-interferenza per evitare mal di testa. E sì, Amazon è consapevole dei potenziali problemi con i detriti spaziali.

Leggi anche:  Amazon ha iniziato a consegnare i pacchi con i propri robot

I satelliti si deorbiterebbero in meno di 10 anni, indipendentemente dal fatto che fossero ancora in contatto con la Terra. Amazon non ha menzionato una linea temporale per mettere i satelliti in orbita. Tuttavia, il deposito della FCC mostra che ha pensato a questo piano per un po’.

Indipendentemente dal fatto che sia tempestivo è un’altra storia. SpaceX sta già lanciando i suoi primi satelliti a banda larga e pianifica circa tre volte di più. Anche se ci vorranno anni per la realizzazione di costellazioni satellitari come queste, c’è la preoccupazione che Amazon potrebbe già essere in svantaggio.